«La Silicon Valley è anche nostra»

Chi è Arlan Hamilton, 30enne afroamericana e lesbica che ha quasi perso tutto per riuscire a coronare il proprio sogno: aprire un fondo di investimento per supportare le minoranze nel campo dell'hi-tech.

arlan-hamiltonCredere in un’idea fino al punto di mettere tutto in gioco, persino la casa. E ritrovarsi a dormire sulle sedie di una sala d’aspetto in aeroporto, attendendo l’ennesimo, inutile incontro con possibili investitori. È la storia di Arlan Hamilton: 30enne, afroamericana e lesbica. Non esattamente una privilegiata. Ma, alla fine, la sua caparbietà è stata premiata. E la sua storia ha un lieto fine che, in realtà, è appena un inizio.

ALL’ULTIMO MINUTO
È il 2014 quando Arlan decide di abbandonare il mondo della musica per dedicarsi alla tecnologia, e dare vita a un fondo di investimento dedicato alle donne, alle minoranze e alla comunità Lgbt. Così, si mette alla ricerca di investitori decisi a credere nel suo sogno. Ma fare breccia nella Silicon Valley, a maggioranza bianca e maschile, è difficile. Quasi impossibile. I mesi passano, le finanze di Arlan si assottigliano. Non può più permettersi un’abitazione, così si ritrova a dormire in motel. O in macchina. O negli aeroporti, appunto. Da quelle poltroncine, il 13 giugno 2015 pubblica un post che è un duro atto d’accusa contro gli investitori bianchi. Le sue parole colpiscono nel segno. Perché, qualche giorno dopo, le arriva un sms.

L’INIZIO DI UNA RIVOLUZIONE?
«Ci sto». Due parole appena, che bastano a illuminare di gioia il volto di Arlan. Perché l’autrice di quel messaggino è Susan Kimberlin, veterana dell’industria tech che ha lavorato anche per PayPal. Che non vede l’ora di portare un po’ di diversità nella Silicon Valley. Così, Backstage Capital (il nome che Arlan ha scelto per la startup) può finalmente vedere la luce. Ad agosto 2016, il fondo di investimento di Arlan vale 5 milioni di dollari, e offre un sostegno economico a altri nove progetti. Secondo le previsioni di Arlan, la società rientrerà dall’investimento nel giro di cinque anni. La sua missione? Semplice: aiutare le minoranze etniche e sessuali a realizzare i propri sogni in un mondo che, fin’ora, è rimasto feudo di ricchi maschi bianchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Protagoniste Argomenti: , , , Data: 17-08-2016 01:28 PM


Lascia un Commento

*